Le Fontane di Roma

Fra le principali attrazioni di Roma sono da annoverare senza dubbio le fontane. Roma infatti ha sempre beneficiato sin dall’antichità di ingenti risorse idriche, di cui sono testimoni i numerosi acquedotti e le stazioni termali disseminate per la città, oggi accanto a palazzi moderni e insegne pubblicitarie che citano Bevi Coca Cola, o Chest Handles Price, mantengono tutt’ora il loro grandioso fascino di un tempo.

L’acqua veniva approvvigionata da bacini fluviali dei dintorni, dalle catene montuose che circondano l’area urbana e veniva canalizzata attraverso gli acquedotti, esempio insuperato di ingegneria romana, con i quali la si distribuiva a tutti i quartieri.

Piscine, saune, vasche e lavabi (labra) venivano riempite costantemente di acqua per scopi igienici, o semplicemente per dissetare la popolazione. Con la diffusione dei bagni pubblici, o thermae, sin dal III secolo a.C. la richiesta e il consumo di acqua crebbe progressivamente, anche perché nelle case dei plebei non erano previste strutture sanitarie o igieniche e quindi la popolazione si serviva dei servizi pubblici messi a disposizione dal Governo imperiale.

Tutta questa ricchezza e abbondanza subì un freno improvviso con la caduta dell’Impero, quando nel VI secolo i barbari sabotarono gli acquedotti stessi durante gli assedi, riducendo la popolazione allo stremo. Ciò significò un graduale abbandono delle fontane e di tutte le opere idrauliche della capitale, che determinò un peggioramento delle condizioni di vita e di igiene in generale e contestualmente facilitò la diffusione di malattie endemiche. Per questo motivo la città durante il Medioevo giunse a contare poche decine di migliaia di persone, neanche lontanamente paragonabili agli abitanti dell’epoca di maggior splendore durante gli imperatori Traiano o Adriano.

Dopo una lunga parentesi di oscurantismo medievale, il Rinascimento diede a Roma un nuovo impulso: un rinnovato concetto di uso degli spazi comuni contribuì alla creazione di piazze, ovvero luoghi di aggregazione, di incontro per i cittadini.

Quello che nell’antica Roma aveva rappresentato il Foro, unico punto di riferimento dell’intera città, ora era distribuito su tutto il tessuto urbano, dove, su scala minore, ogni piazza offriva i luoghi di interesse principali: la chiesa, i palazzi del potere, il mercato.

Papi, cardinali e ricchi uomini d’affari affidavano agli artisti più eclettici e di talento dell’epoca la decorazione di piazze con splendide opere realizzate sia con materiali di riciclo che nuovi. Gente del calibro di Pietro e Gian Lorenzo Bernini, Nicola Salvi, Giacomo Della Porta, Giuseppe Valadier and Carlo Maderno, con la propria creatività, nel tempo riuscì a trasformare le piazze in veri e propri salotti a cielo aperto: non c’è da meravigliarsi se migliaia di turisti restano letteralmente incantati per ore di fronte alla Barcaccia a piazza di Spagna, alla Fontana di Trevi, alla Fontana dei 4 Fiumi a piazza Navona o alla Fontana dei Leoni a piazza del Popolo, tanto per menzionare solo alcuni dei monumenti più celebrati della capitale.

E lo spettacolo di sorgenti di acqua corrente che tutti i giorni con la loro veemenza fuoriescono dalle fessure delle rocce di travertino e si infrangono fragorosamente sui lisci marmi di figure mitologiche abilmente rievocate dai nostri migliori scultori, fornisce ai visitatori la soluzione ideale per fare una meritata pausa dopo la visita alle rovine antiche, ai luoghi di culto  ad uno dei tanti musei.

Resta in Europa: 4 esperienze di viaggio davvero originali

Nessuna meta ancora sconosciuta, nessun angolo di mondo lontano, sono proprio nelle più famose città europee alcune chicche recentemente scoperte da HomeToGo. Si tratta alloggi in grado di offrire al viaggiatore soluzioni alternative, molto originali e talvolta un po’ bizzarre per un soggiorno tutt’altro che banale.

La prima rarità si trova in Finlandia, nella città di Kemi. Qui le temperature si registrano sotto lo zero a due cifre e il giorno, specialmente in inverno, è decisamente breve. In un paesaggio innevato e fiabesco, però, sorge proprio un castello di neve, la cui struttura è interamente ricavata nel ghiaccio. Trascorrere una notte al suo interno è il sogno dei più piccoli, e, chi sa, forse anche dei grandi. Ad un prezzo abbordabile che si aggira intorno ai 120€ per notte, i visitatori potranno godere di bellissimi giochi di luce a contrasto su un panorama bianco ottico. Qualcosa di magico.

Anche nella nota capitale francese, è possibile optare per qualcosa di diverso dal solito. A catturare l’attenzione è stato proprio uno studio di registrazione, in stile vintage, perfetto per i viaggiatori con l’anima da vera rockstar. Nell’originale alloggio batterie, chitarre e mixer garantiscono un’atmosfera unica dove chiunque può raggiungere la nota giusta. Nel cuore di Parigi, è l’occasione perfetta per guardare dietro le quinte ed immedesimarsi nei panni di grandi musicisti. Per gli standard parigini il prezzo di questo “appartamento” è moderato: 90€ a notte (164€ per una doppia), il che rende questa esperienza particolarmente appetibile.

Dalla musica al cinema rimanendo a Parigi: ancora qui per trascorrere una notte in un ambiente ricco di fascino sugli Champs-Elysées. Acquistando un biglietto d’ingresso al cinema privato L’Etoile Club al modico prezzo di 1518€ (si fa per dire), è infatti possibile alloggiare in questo antico teatro in stile italiano ora moderno e confortevole cinema. Un modo originale per conciliare la passione per la settima arte e la voglia di visitare Parigi.

Dalla Francia alla Gran Bretagna, per chi vorrebbe visitare Londra o per chi lo ha già fatto ma vorrebbe tornare. Quest’ultima chicca è un’ex fabbrica di scarpe completamente ristrutturata in cui è possibile alloggiare al prezzo di 292 € a notte. Si tratta di un loft luminoso di oltre 1000 metri quadrati caratterizzato dai tipici mattoncini rossi e da ricercate finiture che ne ricordano il precedente utilizzo. La sua posizione viene incontro a tutti i visitatori, permettendo di raggiungere il vivo centro della capitale londinese comodamente, così come di esplorare i vari mercatini e parchi nei quartieri limitrofi. Un alloggio dal gusto retrò per il prossimo viaggio nella capitale britannica.

Quattro proposte in grado di accontentare i viaggiatori più diversi: da una romantica notte in un cinema parigino ad una dal sapore retrò a Londra, per i più temerari la Finlandia e per le vere rockstar ancora Parigi.

Voli Aerei: usa Internet per rispamiare

Un breve speciale per capire in poche e semplici indicazioni come risparmiare usando internet per volare in vacanza.

Scegliere, organizzare e prenotare le proprie vacanze, è una delle attività maggiormente sfruttata dagli Italiani su Internet, cercando di farlo risparmiando il più possibile. In questo speciale vogliamo puntare il focus sulla ricerca e la prenotazione dei viaggi e dei voli, vedendo quali strade possono farci risparmiare.

Precisiamo subito che con questo speciale non sveleremo chissà quale trucco, ma vogliamo semplicemente suggerirvi i siti più adatti allo scopo.

Quali sono le strade percorribili? Sono quelle che più o meno tutti conosciamo, ovvero i Last minute, le compagnie low cost, i motori di ricerca di comparazione specifici e poco altro.

LAST MINUTE (ultimo minuto)
Iniziamo dai viaggi Last Minute ovvero viaggi dell’ultimo minuto. Si tratta di un termine molto usato nel settore del turismo, con esso si identificano i pacchetti di viaggio che prevedono l’accettazione poco tempo prima dell’esecuzione del servizio proposto, a prezzi ribassati, al fine di completare i posti rimasti invenduti.
Generalmente sono comprensivi di viaggio in aeroplano, trasferimento e soggiorno, acquistabili 5/7 giorni prima della partenza, presso le agenzie di viaggio presenti online o tramite specifici portali come il famosissimo Lastminute.com, Last Minute Tour, ed altri.

Quando si parla di Last Minute però bisogna fare attenzione, qualche (per fortuna sempre meno) agenzia poco seria potrebbe proporre il termine Last minute puramente a scopo di rendere l’offerta più accattivante. Bisogna quindi prestare molta attenzione in fase di prenotazione, un LastMinute troppo scontato spesso può celare delle sorprese sgradevoli. Ecco perchè spesso è preferibile passare attraverso strutture conosciute invece che addentrarsi nei meandri del Web in cerca “favolose occasioni”. Ricordate che se pensate di essere incappati in un caso di pubblicità ingannevole, potete far valere i vostri diritti con buone possibilità di vederli riconosciuti.

LOW COST (basso costo)
Chi ha forte interesse a risparmiare, deve necessariamente conoscere le compagnie ed i voli low cost, di cosa si tratta e perchè loro possono proporre prezzi ribassati. Cerchiamo di spiegarlo brevemente accennando anche qualche caratteristica dei voli low cost.

Una compagnia aerea a basso costo (in inglese: Low-cost airline) è una società che offre voli a prezzi molto inferiori rispetto alle compagnie aeree tradizionali, eliminando gran parte dei servizi non essenziali rivolti ai passeggeri. Alcuni esempi delle caratteristiche che permettono di tenere il prezzo basso sono:
– singola classe di passeggeri, libera scelta dei posti a sedere in base all’orario di arrivo all’aeroporto;
– singolo modello di aeroplano;
– configurazione dell’aereo con maggior numero di posti a sedere;
– eliminazione dei pasti gratuiti durante il volo;
– multiruolo dei dipendenti;
– collegamenti tra aeroporti secondari;
– risparmi di spese attraverso la distribuzione diretta (call center e/o Internet);
– le offerte economiche valgono ad es. per prenotazioni anticipate o con altre delimitazioni annunciate;
– variabilità dei prezzi a seconda dell’affollamento previsto (man mano che i posti vengono prenotati i prezzi aumentano, si parla anche di variazioni che vanno da 1 euro se prenotato mesi prima a 300-400 euro se prenotato il giorno della partenza);
ed altre caratteristiche di questo tipo che chiaramente possono variare da compagnia a compagnia.

Come trovare questa tipologia di voli?
Non è difficile, anche in questo caso esistono portali specifici che aiutato nel reperimento del miglior volo, come ad esempio lo specialistico Europe Lowcost o il famosissimo Vola gratis, oppure accedendo direttamente senza intermediari a siti di compagnie che effettuano solo voli low cost come Brussels Airlines, Jet2.com, Transavia, Vueling e molte altre ancora.

MOTORI DI COMPARAZIONE PREZZI PER I VOLI
Esistono dei siti che mettono a disposizione veri e propri motori di ricerca che permettono di comparare le offerte per le tratte di vostro interesse. L’utilizzo in genere è molto intuitivo. Provatene più di uno, non è detto che utilizzino i medesimi fornitori, ovvero un’offerta presente in un portale non è detto che sia anche nell’altro. Pure in questo caso proponiamo qualche buon consiglio: AzFly, Liligo, eDreams, lo stesso Vola Gratis. Ne troverete altri visitando le categorie indicate di seguito nello speciale.

Come cambiano i prezzi negli hotel in europa?

Ecco come cambia il barometro delle tariffe secondo la ricerca hotel.info. I prezzi dell’alberghiero sfiorano il +6% a livello internazionale, l’Italia resta ferma.

In seguito alla netta risalita dell’indicatore per il clima economico mondiale, secondo i risultati del WES (World Economic Survey)* del 1° trimestre 2011, hotel.info presenta la propria classifica aggiornata sull’andamento delle tariffe alberghiere di febbraio 2011, su un bacino di oltre 210mila alberghi in tutto il mondo. Sia la situazione attuale che le prospettive dei prossimi cinque e sei mesi vengono di nuovo stimate in positivo. Ciò è indice di una situazione economica mondiale più forte che si estende anche al settore alberghiero, poiché l’elevata domanda di camere da parte di viaggiatori d’affari e vacanzieri fa salire i prezzi in molte metropoli internazionali, con un aumento medio del +5,89%, ma anche in alcune città italiane.

hotel.info, il servizio di prenotazione alberghiera online gratuito per oltre 210mila alberghi in tutto il mondo, ha determinato con un sondaggio sulle tariffe alberghiere, a febbraio 2011, le località dove le camere sono particolarmente convenienti e in quali grandi città invece gli ospiti devono spendere maggiormente.

Milano resta di gran lunga la metropoli più cara per il settore alberghiero in Italia, invece le camere a Napoli risultano ancora le più convenienti. Mosca e Sydney sono decisamente le città internazionali più costose mentre Bangkok si conferma la metropoli più a buon mercato.

Mercato italiano

Con 122,18 euro Milano resta ai vertici della classifica nazionale. Rispetto al mese precedente si registra il +6,2%, un aumento dei prezzi al quale hanno contribuito in febbraio anche le partite in casa di Inter e Milan per gli ottavi di finale della Champions League. Gli albergatori della città universitaria e portuale di Bari hanno chiesto in media 102,60 euro a notte per camera e quindi una tariffa leggermente più elevata rispetto ai colleghi della città eterna. Roma infatti, polo d’attrazione per milioni di turisti, si colloca al terzo posto della classifica con 99,06 euro.

Molto interessante risulta in questo momento una visita alla città di Torino per due motivi. Da un lato le tariffe alberghiere sono scese di circa il -5,33% rispetto al mese precedente, attestandosi su una media di 85,99 euro. Dall’altro lato la città organizza numerose celebrazioni dal titolo “Esperienza Italia” per l’anniversario dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Anche Catania offre tariffe agevolate a chi è in cerca di un albergo. Rispetto a febbraio 2010 i prezzi sono diminuiti in media del -14,89%, attestandosi su 77,34 euro. In ogni caso, secondo l’analisi di hotel.info, la città più economica è Napoli: gli albergatori della città più affascinante e controversa d’Italia si accontentano in media di 74,42 euro.

Mercato internazionale

Il settore alberghiero di molte metropoli internazionali ha beneficiato di tariffe più elevate. Stoccolma è la città che ha mostrato il salto tariffario maggiore (+26,59% con una media di 153,47 euro per camera) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il campionato mondiale di palla a mano, che si è tenuto in Svezia all’inizio dell’anno, potrebbe aver influito sull’andamento delle tariffe. Tuttavia la metropoli più costosa del mondo in termini alberghieri è ancora Mosca. Già a febbraio 2010 e poi a gennaio di quest’anno gli albergatori della capitale russa si sono collocati al vertice della classifica. Rispetto all’anno scorso i clienti devono spendere ancora di più, in media il +8,3% in più, ovvero 178,50 euro per una camera nella più grande città europea. Il settore alberghiero di Sydney non si discosta molto da questo valore. A febbraio di quest’anno gli ospiti hanno potuto soggiornare in questa città a una tariffa media di 170,44 euro, con un aumento del +12,64 rispetto all’anno precedente.

Chi cerca una camera d’albergo nella capitale italiana invece può ritenersi fortunato. Come descritto sopra gli albergatori a Roma si accontentano di una tariffa media pari a circa 100 euro a camera (-3% rispetto all’anno precedente). Roma risulta così particolarmente economica nel confronto internazionale. Le tariffe delle camere d’albergo continuano ad essere molto economiche a Bangkok. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, gli ospiti possono beneficiare di un’ulteriore tariffa ribassata, in media del -2,7%, e pernottare qui a circa 55,00 euro di media.

Viaggiare a costo ridotto

Siamo alle soglie del 2014, organizzare un viaggio per tempo potrebbe farti risparmiare non poco… vediamo alcuni consigli.

Per molte persone, le vacanze estive costituiscono il più grande piacere che ci si concede durante l’anno. Esplorare una nuova meta esotica è spesso molto costoso, ma non è sempre così se si presta un po’ di attenzione. Ecco i principali consigli per risparmiare sulle vacanze 2014.

Cambio valuta

C’è da restare perplessi a guardare la coda di persone in fila per cambiare denaro che si forma davanti alle agenzie di cambio in aeroporto: possibile che non capiscano che l’offerta migliore non è lì?!

I servizi di cambio valuta aeroportuali sono tristemente famosi per i tassi di cambio svantaggiosi praticati, perciò vanno evitati pensando invece al cambio valuta ben prima dell’arrivo all’imbarco. Occorre scegliere un operatore di chiara fama che proponga l’offerta migliore. Travelex rappresenta una buona scelta, grazie ai suoi tassi di cambio competitivi e perfino alla possibilità di ordinare valuta online da ritirare poi in agenzia.

Considerare tutte le opzioni

Quando si prenota una vacanza, molti iniziano subito col cercare voli e hotel. Anche se questa può sembrare la scelta più ovvia, non sempre è anche la più economica.

Se si vuole raggiungere una meta lontana, probabilmente si sceglierà l’aereo, ma se invece si intende visitare un Paese vicino esistono anche altre opzioni per spostarsi. Ad esempio, un viaggio in treno può essere molto più economico di un viaggio in aereo, con società come InterRail che offrono pass abbordabili per spostarsi da un luogo all’altro senza spendere un patrimonio.

Gli hotel possono costituire un’enorme voce di costo in una vacanza, soprattutto se si cerca qualcosa di più rispetto alle camere delle catene alberghiere a basso costo. In caso di soggiorni di una settimana o più, è possibile risparmiare affittando una villa o un appartamento.

Anche se questi possono sembrare risparmi minimi, messi tutti assieme fanno la differenza, creando un piccolo gruzzolo extra da poter spendere liberamente durante la vacanza.